LOVE OR INFATUATION?

Di relazioni strambe ne abbiam vissute tante, e non dovremmo scriverci libri ma epopee. Siam sopravvissute, sempre. Il che varrebbe a dire che l’innamoramento non è altro che una condizione psicologica, ebbene si amiche mie: tempo un paio di giorni H 24 con il vostro amato e le vocine nel cervello vi ripeteranno che è un malaffare. Trascorriamo la metà dell’esistenza alla ricerca di qualcuno che vive solo nella rete corticale del nostro cervello, converrete quindi con l’asserire che l’amore vero è solo quello non corrisposto, non consumato. C’infatuiamo, però, continuamente.

Grazie a: TrendyKiss for watch and IGORSHOES // LevisJeans// Atelier Fix Design Shirt.

 

LOVE OR INFATUATION?

Nulla è come sembra.

Ho sempre avuto un forte sesto senso, ma non m’ha mai lasciato capire chi mi trovassi effettivamente di fronte. Così ho imparato a non sparare sentenze e a ‘lasciar ai posteri l’ardua sentenza’. Guardando questi scatti, avrete pensato: cosa sta leggendo Sonia?? Un libro di magia?? La risposta è NO! E’ la mia originalissima nuova bag, inutile che vi racconti quanto ne sia innamorata; associateci poi l’orologio più classico di sempre..ed è subito cool outfit. Regola numero quattordici: MAI soffermarsi alle apparenze.

Grazie a Santoro London per la borsa e ad Otto Weitzmann per l’orologio. http://produkte.otto-weitzmann.de/

In: BenettonShirt// Mum’skirt-pants// ClarkShoes.

 

 

Nulla è come sembra.

White&Black.

Se è vero che Dio c’ha creati proprio a sua immagine e somiglianza allora qualche poteruccio lo abbiamo anche noi. Ereditato, nascosto e poi dimenticato. Io in sei giorni non concludo nemmeno il cambio di stagione, ma al settimo mi riposo egualmente. Oggi non voglio rasentare la blasfemia, ma ci sono vincoli culturali che vanno superati. Assodato che l’unico vero collante relazionane è il denaro (parafrasando Marx proprio), oggi voglio invitarvi a non convolare a nozze con la stessa facilità con cui vi laccate le unghie di rosso. Siete in gamba e funzionate perfettamente anche da soli. Regola numero dodici: L’abitudine uccide ogni forma di vitalità, rompete gli schemi e lottate sempre per conquistare la vostra felicità, ne avete tutto il DIRITTO.

In: Mangano Shirt// Guess Belt// Mum’skirt// Converse Shoes// Timberland Backpack// Opel Adam Car.

White&Black.

Amo.

WordPress si è portato via il lavoro di mezzo pomeriggio, rimedio così:

Amo le risposte non scontate alle domande più ovvie. L’odore di salsedine e i tramonti, quelli così pieni di luce che ti mozzano il fiato. Amo camminare sotto la pioggia e non avere l’ombrello. Sorridere ai passanti spensierata. Centrare solo le mattonelle saltellando. E amo vivere intensamente, ogni attimo come fosse l’ultimo. Amo il gelato fragole e limone e il cornetto a mammellata, amo ridere, ridere cosi forte da non riuscire più a sopportare il suono della mia stessa risata. E amo stare con me, persa tra mille pensieri e le più varie farneticazioni. Amo i calamari fritti, il candore della neve e i piumoni, quelli bianchi. Lo zucchero filato e l’odore delle noccioline caramellate. La letteratura, le poesie, e l’arte. Amo ciò che sono, profondamente e non c’è più spazio per ciò che non amo.

Amo.

NOLOGO.

No ma esattamente quando è accaduto?? Qual’è stato l’attimo in cui abbiam deciso di non dare un nome ai nostri rapporti?? Definire una relazione. E non storcete il naso, non inarcate le sopracciglia. Concentratevi. Pensate davvero che avere un rapporto libero vi renda liberi?? Assolutamente no, vuol dire essere schiavi del non saper gestire la situazione. Insicurezza: non è dato capire se l’altro è preso, se state andando nella stessa direzione, se al contrario siete la trombamica di turno o solo la MIGLIORE d’amica. Fare domande o cercare conferme è un cliché che non appartiene a questi tempi. E così restiamo inchiodate in #limborelazioni tristissime, fatte di mancati messaggi, senza il profumo di fiori o di dolci colazioni. E’ questo che meritiamo? Un amore statico, un amore morto prima d’iniziare anche solo a pensare d’amare. NO! Regola numero undici: ribellatevi, appendete quindi, chi si espone poco e non vi lascia a bocca aperta, di suppellettili ne abbiamo troppi, l’ennesimo lasciatelo a qualche sua stessa EX.

NOLOGO.

NOLOGO.

Il primo approccio.

‘Ciao, come stai?’, nommadico, io e te ci siam visti una volta sola nella vita, abbiam parlato per 300 secondi circa e cerchi di abbordarmi così? Cosa vuoi ti risponda esattamente? Che sono in piena fase premestruale, che i miei capelli stamane han deciso di farmi sembrare la versione bionda di Bob Marley o ancora, che ho un matto, disperato bisogno di soldi perché ho dilapidato l’intero stipendio in meno di una settimana – e tu, noto per far domande poco intelligenti non chiedermi come: scarpe, ovvio -. A piezz, sto a piezz e se me lo chiedi è peggio, mi costringi a pensarci. Che poi t’ho stalkerato e non poco, m’ero illusa che Nino D’Angelo ci fosse capitato per sbaglio sulla tua bacheca, e invece no… Pubblichi proprio roba oscenamente demenziale, ah vabbè ma sei uomo, sempre giustificato; già perché se condivido io la tartaruga scultorea di Marlon Teixera, so pervertita, se invece tu pubblichi foto di tette della qualunque allora è arte, sei figo e i tuoi amici ti fanno pure l’applauso quando t’incontrano. E quell’altro poi… quello c’ha scritto proprio IMPEGNATO e m’assilla alle ore più improbabili del giorno e della notte giurandomi amore etterno, fossi in lui provvederei a modificare lo stato in CORNUTO, perché la vita si sa è come il mare e ti riporta sempre indietro tutto, tu chiamalo se vuoi KARMA. Regola numero tre: abbiate cura di scegliere l’uomo meno peggio degli altri, ammesso esista. Haveagreatweek!

Datemi neve e ghiacciai perenni e sarò felice, il caldo m’abbatte, così se m’incontrate per strada in questa stagione, non meravigliatevi del fatto che indosso una favolosa ‘maglia della salute’: una canottiera rubata al babbo. Fa subito freshoutfit. Perché la moda, quella vera, è solo streetstyle. Vi adoro.

In: JuliPet Shirt/ Naf-Naf Pants/ Replay Shoes/ Le Pandorine Bag.

Il primo approccio.

L’Amore è una scienza esatta. Punto.

Passiamo a discorsi che le donne troveranno interessanti, gli uomini femministi e (non per ultimi) gli omosessuali sessisti. Per farvi capire di cosa stiamo parlando devo portarvi agli albori dell’umanità, quando una certa Eva disse ad un’Adamo: ‘Mangiala!’..e lui ingurgitò tutto, torsolo compreso, rimastogli poi, nei secoli dei secoli alla gola (l’intelligenza di un insetto stecco proprio eh!), ragion per cui: se godete di un pomo pronunciato desistete dal leggermi, se non lo avete affatto non perdetevi nemmeno una virgoletta degli episodi che arriveranno. Imparerete quello che in fondo già sapete ma in fin dei conti non accettate, perché tra ‘Gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere’ e ‘Mister Grey’ c’è un salto generazionale letterario che va inevitabilmente colmato.

Ps: seguendo attentamente le istruzioni e cogliendo i messaggi subliminali intrinsechi vi liberete del tutto dagli effetti collaterali relazionali. Per ulteriori chiarimenti non esitate a scrivermi in posta privata, nel frattempo ricordatevi d’iscrivervi al blog. Lotsoflove.

In: Benetton Shirt/ Evisu Jacket/ Levis Jeans/ Converse Shoes/ Pennyblack Belt.

 

L’Amore è una scienza esatta. Punto.