Amici al Bar.

Ecco, è appena arrivato il mio cornetto mattutino. Che gioia! Ho una vera e propria repulsione da social-life, temo sia una patologia che presto diverrà tendenza. C’è che siam tutti diventati Avatar di noi stessi egocentrici ed individualisti, tristi. Mmm..è alla nocciola, squisitezza. Dite che le vecchiette e i clochard non escono più di ‘casa’? Dico piuttosto che con le capocce negli smartphone nemmeno li vediamo più. Ci stiam perdendo tutti quei sconosciuti sorrisi che un tempo ci riempivano il cuore di gioia. Lascio la mancia. Buona giornata.

In: Pozzuoli. / Skirt: IBLUES; Shoes: ManasDesign by LeaFoscati; Bag: RalphLauren.

Amici al Bar.

Il primo giorno di scuola.

Tra oggi e domani, tutti a scuola! Oddio, era un vero e proprio INCUBO per me. Il vantaggio di crescere è dover affrontare solo colloqui di lavoro che a confronto sono una passeggiata. Se chiudo gli occhi riesco ancora a sentirne l’odore acre, diventava a tratti dolciastro solo durante i giorni di mensa e comunque ne impregnava il grembiule; con la pioggia fuori diventava ancor più grigia e triste, ed io avrei solo voluto starmene nella mia capanna con la copertina e la mia mamma. Nel mondo di oggi è dura perfino avere 3 anni: svegliarsi alle 7.30 per esser a scuola alle 8.05, imparare la lotta per la sopravvivenza, godere di uno spazio vitale che va dal banco alla sedia e chiedere il permesso per far la pipì. Il mondo è un posto strano e non mi son ancora del tutto abituata a starci. Che sia una splendida giornata per tutti voi. Con amore.

Il primo giorno di scuola.

Scampia.

Avevo 16 anni quando l’aspettavo. Ero a scuola, seduta sulla scrivania e di fronte a me una 60ina di ragazzi più grandi. D’un tratto aprirono la porta: ‘Non verrà.’ Il panico! Cosa avrei detto a quelle persone? Fu esattamente allora, in quel preciso istante che decisi di lui ch’era una persona poco seria e ch’avrei raccontato la realtà oggettiva del posto in  cui vivevo. Dopo un anno il suo nome rieccheggiava ovunque e dopo due aveva perfino una scorta, mi prestarono il suo libro e oltre a trovarlo orribilmente noioso capìì che era un romanzo. Ovunque siate nel mondo, sappiate che nulla è come cercano di raccontarvelo. Le persone migliori che conosco vengono da qui e Scampia è colori, campi da calcio, murales, orti urbani..VITALITA’.

Location: Scampia/ Ph: Arianna Varriale.

Shirt: PetitBateau/ Jeans: Levis/ Shoes: Converse.

Scampia.

Trance da metro.

Il bip segnala la chiusura delle porte e trance da metro. Tutto finisce col diventare troppo bello&magico o troppo angosciante&pesante quaggiù. Una stazione ancora e la bimba con gli occhioni enormi sedutami di fronte stringe forte il suo orsacchiotto di pezza e mi fissa. Trance da metro. Troppa gente e odori confusi tra pensieri ancor più confusi.. dovrei esser felice adesso. Entrano scarpe orribili, salgo lo sguardo: abbinate impeccabilmente. Sorrido. Desidero continuamente cose che son contestualmente fuori luogo e quando arrivano non ci riesco a gioire. I suoi occhi mi guardano ancora e questa volta mi sorride, le sorrido di rimando, sorride un po’ più forte. Mi alzo ed a passo spedito esco.

Shirt: CheapMonday/ Skirt: Franklin&Marshall/ Bag: Pinko/ Shoes: JFK/ Necklace: Swarovski.

Trance da metro.